Oltre 400 appuntamenti, fra incontri tematici, installazioni, mostre ed eventi: stiamo parlando del London Design Festival, l’appuntamento con il meglio dell’architettura e del design mondiale previsto dal 17 al 25 settembre, che la capitale britannica organizza da ben 14 anni.
L’evento si presenta con un eclettico programma di talk e workshop tematici, che si tengono all’interno del prestigioso Victoria and Albert Museum, anche quest’anno sede ufficiale della manifestazione. A riempire l’evento di arte e innovazione, la varietà di installazioni grandi e piccole, create ad hoc per il festival. Ve ne raccontiamo alcune:

– The Green Room, l’ipnotico velo di corde in movimento creato dallo studio di design Glithero in collaborazione con Panerai costituito da ben 160 cavi in ​​silicone multicolore collegati ad un dispositivo motorizzato che gira alla velocità di un ciclo al minuto. Un’esperienza multisensoriale in grado di offrire una diversa percezione dell’orologio e del tempo.

london-design-festival-2016

Foil, il nastro metallico progettato da Benjamin Hubert e lungo 20 metri, comprendente 40.000 elementi metallici che si muovono continuamente e dinamicamente per offrire un effetto sorprendente di luci riflesse tutto intorno alla Tapestry gallery (stanza del museo dove potrete ammirare l’opera). 

london-design-festival-2016-2

Elytra Filament Pavilion, la suggestiva copertura ondulata in fibra di carbonio ideata per la V&A Engineering Season e posizionata nella corte del complesso museale.

a0fb056f-f6dd-4d15-a48f-539cd5cfe6ea

Secondo importante appuntamento della kermesse, è caratterizzato senza dubbio dai Landmark projects, le spettacolari installazioni con cui dal 2007 il festival trasforma alcuni degli spazi pubblici più amati della capitale londinese.
Eccovi la nostra carrellata!

Partiamo dal punto di riferimento di questa edizione: il Visionary Crazy Golfsurreale campo da minigolf allestito a Trafalgar Square e progettato da un team di architetti e designer capeggiati da i ben noti Tom Dixon, Paul Smith e Zaha Hadid. La peculiarità di questo progetto, è che è stato realizzato grazie ad una campagna di crowdfunding.
Diventata negli ultimi anni la location d’eccezione durante il London Design Festival, Trafalgar Square si prepara ad essere trasformata in un gigante playground per gli appassionati di design e per turisti curiosi.

Paul Smith, trasformerà le scale di Trafalgar Square in una serie di corsie dai colori vivaci con una club house in stile neoclassico, mentre alla compianta Zaha Hadid si devono le forme ondulate di un piccolo campo ondulato, diviso su due livelli che serpeggia elegantemente tra i leoni di Trafalgar Square. Riflesso di forme organiche, per le quali era famosa, il suo campo riesce ad essere elegante e dinamico allo stesso tempo.

london-design-festival-installations-2016_dezeen_1568_5

Oltre al surreale Visionary Crazy Golf di Trafalgar Square, si aggiungono due sperimentazioni sul legno lamellare, tra cui The Smile, il mega-tunnel in pannelli di CLT realizzato da Alison Brooks Architects e l’American Hardwood Export Council, che offrirà originali visuali sulla città. Considerato tra le istallazioni di punta, il tunnel a forma di sorriso intende mostrare il potenziale strutturale di legno a strati incrociati.  Il piano, il soffitto e le pareti sono curvi e creano uno spazio interno dinamico e stra-ordinario.
Sarà possibile ammirare e “vivere” l’istallazione al Rootstein Hopkins Parade Ground del College of Arts (Chelsea). 

london-design-festival-installations-2016_dezeen_936_4

Altro progetto risultante da un lavoro di sperimentazione sul legno e dedicato al tema dell’housing crisis inglese è Baboushka Boxes dei dRMM, complessi scultorei di scatole abitabili allestite presso i Victoria Gardens di Kensington, vicino alla stazione della metropolitana di Notting Hill Gate.
Le strutture scatolari sono disposte in modo da formare sistemi abitativi adattabili alle esigenze di flessibilità degli spazi e di economicità costruttiva. Babushka Boxes vuole far vivere all’utente un’esperienza del tutto nuova di concepire le abitazioni e gli spazi urbani.

Se vuoi conoscere le altre opere da ammirare a Londra dal 17 al 25 settembre, visita la pagina ufficiale del London Design Festival

Leggi anche: 

Milkshake Tree: a Londra il giardino sensoriale per i bambini di tutte le abilità

By Categories: NotiziePublished On: 8 Settembre, 2016

Condividi: